L’assistenza riabilitativa territoriale comprende l’insieme degli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione dei disturbi neuropsichici e motori erogati in regime ambulatoriale, domiciliare e semiresidenziale dai servizi della ASL o dei centri di riabilitazione convenzionati tramite attività psicoterapica e terapeutico-socio-riabilitativa, nonché le prestazioni diagnostiche e riabilitative specializzate nei disturbi di comunicazione (voce, parola, linguaggio, udito), le prestazioni di assistenza protesica e quelle idrotermali.

 Assistenza riabilitativa in età adulta
I disabili adulti hanno la possibilità di rivolgersi alla struttura territoriale competente al cui interno opera un settore preposto all’erogazione di questo servizio. Tale settore si occupa delle prestazioni mediche specifiche, delle consulenze sociali relative ai soggiorni estivi, all'assistenza domiciliare, alle barriere architettoniche, all'inserimento nei centri di riabilitazione, a corsi scolastici, a corsi professionali, a tirocini di lavoro etc.

 

Tutte le prestazioni sono gratuite e il cittadino ha facoltà di accedere direttamente al servizio.

 

 

Assistenza riabilitativa in età evolutiva

 

All’interno del Servizio materno-infantile è presente una specifica area che fornisce prestazioni riguardanti la prevenzione, diagnosi e riabilitazione degli stati di handicap in età evolutiva.

Tali prestazioni sono gratuite e il cittadino può accedere direttamente al servizio per minori.

 

 

Assistenza riabilitativa presso Enti Convenzionati

 

Per usufruire di questa assistenza il cittadino deve richiedere l'autorizzazione alla ASL di competenza mediante la presentazione di:

una documentazione riguardante l’invalidità civile (se si tratta di un minore la documentazione deve essere relativa all’idoneità di frequenza);

un modello chiamato "modello A" e rilasciato dall’Ente convenzionato;

una richiesta rilasciata dal medico specialista appartenente alla struttura pubblica.

 

Assistenza protesica

 

Le attività e le prestazioni dell’assistenza protesica sono rivolte alla fornitura di protesi, presidi ed ausili diretti al recupero funzionale e sociale dei soggetti affetti da minorazioni fisiche psichiche e sensoriali. Ne hanno diritto gli invalidi civili, di guerra, per servizio, privi della vista, sordomuti, minori di 18 anni che necessitano di intervento di prevenzione, cura e riabilitazione di una invalidità permanente; nonché gli astanti in attesa di accertamento di invalidità civile nei casi di:

impossibilità a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o impossibilità a compiere gli atti quotidiani di vita;

entero-urostomia;

amputazione d’arto.

Per ottenere la fornitura delle protesi e degli ausili tecnici inclusi nel Nomenclatore delle protesi, il cittadino è tenuto a presentare agli uffici competenti dell’ Azienda sanitaria:

il certificato di residenza o un’autocertificazione;

la documentazione relativa al riconoscimento dello stato di invalidità civile;

la prescrizione del medico specialista della ASL abilitato alla definizione della fornitura protesica con l’indicazione del codice del Nomenclatore relativo alla prestazione richiesta;

la documentazione della ditta , della farmacia o del laboratorio convenzionato con la Regione prescelto dal cittadino.

 

Cure termali

 

Il cittadino che intende ottenere l’autorizzazione alle cure termali è tenuto a presentare presso un appropriato sportello dell' Azienda sanitaria di appartenenza la prescrizione del medico specialista evidenziando le esenzioni dal ticket qualora ne avesse diritto.{sharethis}

Professione OSS

Vai all'inizio della pagina
pianetaoss.it.